CRISI -FIAT DECOLLA…L’America supina chiede aiuto…

Eh Eh… Dopo essermi giunta notizia,che Obama ha acquistato titoli tossici,
(tratto dal sito :movimentolibertario.it),ora sembra fare la corte,disperatamente e come ultima speranza per il rilancio della sua economia alla Fiat,il marchio italiano che ora gli farebbe comodo!!! Proprio qualche mese fa,ricordiamo che,durante la sua tourneè in Europa,proprio l’Italia “boicottò!”…Questa piu’ che amicizia,inizialmente si stà dimostrando un rapporto usa & getta…bell’inizio incoraggiante! Speriamo l’Europa si liberi presto di questo cancro oltre oceano ed inizi,ma veramente a campare sulle proprie gambe,dimostrando la sua grandezza anche nell’attualità,piuttosto che soccombere alle pretese assurde che da troppi anni ci vengono richieste anche con sacrifici altissimi(l’ultimo è stata la guerra in Iraq che poi si è dimostrata infondata…di male in peggio) oggi,in piena crisi,ci viene chiesto,pagato profumatamente questo sacrificio…la soluzione,per essere piu’ redditizia non sarebbe venderla totalmente? Che senso ha,mi chiedo farsi prestare del denaro in cambio di un’assorbimento da parte della Chrysler motor company…questo comporterebbe lo strvolgimento delle politiche interne di entrambe le case automobilistiche…ma a vantaggio di chi? E che decisioni verranno prese,per chi? 

Vedremo…

 

Io resto dell’idea che questa “ricetta” fatta in fretta e furia serva solo ad arginare,un’ondata che alla prima marea rischia di travolgere e fare danni molto ma molto piu’ profondi:

RICAPITOLANDO :

 

In soli pochi mesi,colui che recentemente si è beccato pure degli insulti da parte di Chavez,che gli diede dell’ignorante(!),ha diretto le sue azioni atte al recupero dei titoli tossici ed ora con un colpo di coda spera di salvare una casa automobilistica pagando 400 milioni di dollari la fiat…scusate,ma questa che tipo di ricetta sarebbe? 

Liberale assolutamente no,Fascista assolutamente no…

Comunque ad occhi sembrerebbe una decisione fortemente azzardata e contro tutte le piu’ antiche dottrine di mercato di stampo liberale e libertario -questi ultimi,devo dare atto,che in temi economici -e non solo- hanno molto da proporre!

 

Anche in questo caso :

-stato + mercato! Mi sento di urlare! 

 

ecco la notizia dalla testata giornalistica piu’ rilevante e seria(l’ansa) in Italia :

AUTO, OBAMA BOCCIA PIANI. ITALIA, BOOM ORDINI A MARZO

 

epa30xabX_20090330.jpgNEW YORK – General Motors e Chrysler hanno bisogno di “un nuovo inizio . E questo potrebbe significare il ricorso al codice della bancarotta come meccanismo per assicurare una ristrutturazione più forte”. 

Lo ha detto il presidente americano Barack Obama, sottolineando di riferirsi a un’ipotesi di bancarotta assistita dal governo, e non un “processo in cui la società viene scomposta in singole, parti, venduta e non esiste piu”.

Obama ha definito l’ipotesi di bancarotta per Gm Chrysler ”un meccanismo per aiutarle a ristrutturarsi rapidamente e riemergere piu’ forti” di prima. Il presidente degli Stati Uniti ha tenuto a spiegare nei dettagli come funzionano questi meccanismi, che spesso agli occhi del pubblico sono sinonimo di un fallimento annunciato.

 ”Quello di cui sto parlando – ha detto Obama – e’ di utilizzare la nostra struttura legale come uno strumento che, con l’appoggio del governo americano, possa aiutare General Motors e Chrysler a risolvere la questione dei vecchi debiti che gravano su di loro in modo che possano poi rialzarsi e incamminarsi verso il successo”.

Obama ha ricordato che con l’amministrazione controllata ”i lavoratori possono continuare a produrre auto che vengono poi vendute”, e che non si tratta affatto ”di un processo di liquidazione di una compagnia, che smettera’ di esistere”, e neppure dell’ipotesi di ”avere una compagnia bloccata in tribunale per anni, incapace di uscirne”.
ansa.it

 

CRISI -FIAT DECOLLA…L’America supina chiede aiuto…ultima modifica: 2009-03-31T09:14:00+02:00da intmarketing
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento